Pagine

2013 Mauritania | 3 - 26 Agosto FATTO!

© Copyright | Tutti i diritti riservati Latitudini.org


Siamo tornati, qualcuno via terra, molti altri con la nave che ci ha scodellati a Genova dopo quasi 3 giorni di navigazione. 



È stato un buon viaggio, molto vario, abbiamo visto e vissuto un sacco di paesaggi e situazioni: dalle spiagge oceaniche battute dal vento alle dune abbacinanti, dalle penisole di sabbia bianca nelle lagune azzurre alle oasi ombrose e rigogliose, insomma un itinerario che andrebbe proposto in ogni stagione, peccato solo che per arrivarci si debba preventivare una settimana di trasferimento. 



Temevamo il caldo, l'nferno del deserto della Mauritania, l'afa umida della costa, ma non è stato così. Sulla costa, sia all'andata, sia al ritorno il clima è stato particolarmente fresco, anzi, a causa del vento, quasi freddo. Abbiamo dovuto ricorrere a felpe e giacche a vento, la notte si arrivava a 15º gradi e di giorno raramente siamo andato oltre i 30°C. 

Persino lo spaventevole deserto mauritano è stato clemente con noi, le piogge dei giorni precedenti avevano abbassato la temperatura concedendoci giornate cal,a, ma sopportabili, e notti fresche. Insomma un clima migliore non potevamo aspettarcelo. 



Grande sensazione di sicurezza grazie anche all'attento controllo della Polizia sia in Mauritania, sia in Marocco. Avevamo segnalato il nostro gruppo e il percorso ai Ministeri del Turismo per cui siamo stati costantemente monitorati, senza che questo ci creasse ritardi o fastidi. 

Insomma un itinerario da ripercorrere sia in estate e forse a maggior ragione in inverno a patto però di poter contare su 3 settimane di vacanza...
CAT.