+raccontarci la tua storia :: La mia "Notte" da Lupi by Mauro Tina



Partecipai alla "Rivicita" come supporto morale alla squadra degli amici del team "Kiss me Licia", essendo impossibilitato a parteciparvi da pilota.


Alla "Notte da Lupi" non volevo mancare.

Fatima, la nostra Y10, era carica di agonismo, e noi esaltati all'ennesima potenza!
Purtroppo però, per svariate ragioni, al momento dell' iscrizione alcuni di noi furono costretti a rinunciare...
Rimanemmo in pochissimi, ed una triste domenica il nostro caposquadra Alessandro mi telefonó per comunicarmi che "la gara era saltata".

Ci saremmo rifatti a Parma, è vero... ma l'idea di dover mandare tutto all'aria proprio non mi andava giù. Così una sera, di rientro da una serata un tantino goliardica(!) mi decisi:
Formerò la "mia" squadra, con poche risorse ma tanta passione.
Ruppi le scatole a mezzo mondo, feci vedere a chiunque foto e filmati della "Rivincita"...finché qualcuno non mi prese sul serio!
Luca, colui che poi avremmo eletto nostro caposquadra, era il più lanciato di tutti: In quattro e quattr'otto prese contatti con una certa signora Wilma di Genova, e partendo da Milano corse a salvare una non meglio precisata Fiesta del '99 ormai ad un passo dalla pressa.

Era fatta, avevamo la macchina!!

Definimmo la squadra, in totale cinque equipaggi.. Non male!
La preparazione atletica della nostra Fiestina Wilma (ormai si chiamava così)si svolse nel garage di Luca quasi esclusivamente di notte. L'unico momento libero per molti di noi...peraltro durante le pochissime settimane veramente fredde di quest' inverno, bisognava temprarsi in vista della Notte...Ok, saremo il team dei Pinguini Mannari!

I vari rinvii alla Cascatella ci misero peró in crisi; e chi per questioni lavorative, chi per impegni familiari, tre dei nostri piloti non poterono presentarsi a Pragelato.
Nel frattempo ci rubarono anche il furgone che avrebbe dovuto trasportare Wilma e tutta l' attrezzatura...Fu un idillio. 
Ci fu un momento in cui tutto andava storto, ed il fatto di veder sfumare la "Notte" dopo tanti sacrifici ed un mucchio di persone coinvolte mi disturbava pesantemente il sonno.
Luca prese contatti con un noleggiatore, ritiró il furgone ma ecco che, puntuale, arrivó l' ennesima mail di Cattone che decretava l' ennesimo rinvio del Rally. 
Fummo costretti a pagare il noleggio senza aver percorso neppure un km. E così anche i rinvii successivi. Spero che non mi capiti mai di incontrare per strada il gentilissimo impiegato del furgonoleggio a cui Luca chiedette il rimborso...
Ma ad un tratto qualcosa si mosse. 
Cattone decise per la nuova location, ed il "nostro" furgone venne ritrovato due giorni prima del Rally nei pressi di Modena (con 7000km. in più sullo strumento...)
Fu il solito ed instancabile Luca ad andarlo a recuperare; ogni tanto ripenso al fatto che andammo e tornammo da Milano a Pragelato con un Ducato ed  una Fiesta sopra, che per le forze dell' ordine risultava ancora essere un mezzo rubato.
La gara fu tempestata di imprevisti ai quali solo i veri Eroi possono far fronte: gomme bucate, traverse piegate e raddrizzate con una corda attaccata al Ducato, radiatori sfondati e ventole che giravano libere all' interno del motore attaccate solo per i cavi elettrici.

Ma ce l' abbiamo fatta: siamo arrivati in fondo.

Un aplauso a tutto il mio team: -A Luca, il miglior caposquadra che si possa desiderare; ad Elena, la nostra pilotessa, che ha dimostrato di avere gli attributi alla guida almeno quanto noi; a Max e Ronnie, rientrati a Milano alle quattro del mattino dopo aver guidato due turni perché la domenica dovevano lavorare;  ad Alex, che essendo rimasto senza compagno di equipaggio si è dovuto accontentare di chi, a turno, in quel momento fosse ancora sveglio; ad Andrea, mio fido socio nell' abitacolo e nello spalare quel maledetto muro di neve; ed alla mia fidanzata Marta, vera supporter della squadra, che si è accontentata di dormire qualche ora nel sacco a pelo sulla Multipla camperizzata per l' occasione.
Quanto ho pianto per la gioia di avercela fatta lo so solo io e, riflettendoci anche a distanza di tempo, gli occhi mi brillano ancora oggi al solo pensiero di quell'impresa.

Primi o ultimi non ha importanza, per me abbiamo vinto.

Grazie Cattone, e W i Pinguini Mannari! Mauro.